Ci sono dei momenti in cui mi prende il desiderio di dormire all’infinito; ma non posso più dormire, perché penso sempre.
Charles Baudelaire, lettera alla madre (Parigi, sabato 26 marzo 1853)
sei come il sole che scende